Sono essenzialmente tre i pilastri attorno ai quali ruota un concetto moderno e affascinante, quello della bioedilizia: la tutela dell’ambiente circostante, quella della nostra salute e il risparmio energetico.

Il mantra dell’ecologia ha preso ormai piede in tutto il mondo, anche grazie alle manifestazioni capitanate dall’attivista svedese Greta Thunberg cui va il merito di aver risvegliato le coscienze dei più giovani.

Ad ogni modo è proprio durante l’ultimo decennio che, si è affermata con forza un’alternativa alla tradizionale architettura e al classico modo di costruire, appunto la bioedilizia.

Le sue regole puntano al vivere sano, per salvaguardare il pianeta e ciò che ci sta intorno a cominciare dalla natura. L’approccio parla chiaro: l’obiettivo dichiarato è la diminuzione dell’impatto sull’ambiente delle costruzioni, identificate quale spauracchio in relazione all’alto consumo di materiali e soprattutto di risorse naturali.

Anche le emissioni sono al centro dell’analisi, a cominciare da quelle relative al riscaldamento nelle nostre case che rappresenta una delle più grandi cause di inquinamento dell’atmosfera.

Il concetto di bioedilizia è green e improntato al rispetto del legame tra uomo e natura: un dare/avere virtuoso, fatto di tecniche innovative e impiego di materiali naturali sia nella progettazione che nella realizzazione di un edificio o altri interventi connessi.

La qualità della vita migliora, si riducono gli sprechi di energia e le emissioni di CO2. Al centro si pone, inoltre, anche un miglioramento del comfort domestico (sia per chi vive in casa che per gli ospiti).

Tra gli interventi virtuosi che vanno in questa direzione c’è l’isolamento termico con fibra di cellulosa: la progettazione è essenziale, come sapranno spiegare i tecnici di Cellulosa Brescia.

Bioedilizia e Risparmio Energetico

Ecosostenibilità, risparmio energetico, riciclo e uso di materiali naturali, sono la basi di una tendenza innovativa e fondamentale dell’architettura e progettazione moderna, quella della bioedilizia o edilizia sostenibile. 

Con questi concetti, ci si riferisce proprio a una concezione di edificio orientato al rispetto dell’ambiente, a cui in pratica, corrisponde l’adozione di materiali naturali o riciclati, la rivalutazione dei sistemi costruttivi e l’uso di fonti energetiche rinnovabili. 

Si tratta di un tipo di architettura edile, che per la costruzione e la progettazione si avvale degli elementi naturali come, vento, acqua, sole e vegetazione e della morfologia dell’ambiente circostante per costruire edifici termicamente efficienti. 

esempio di bioedilizia italiana recente
Ecco un esempio di bioedilizia italiana post moderna
Costruzione - Ingegneria Architettonica

Obiettivo delle nuove costruzioni bioedili è quello di orientare correttamente l'edificio: disponendo nell'Italia settentrionale e nelle zone montane, a nord i locali di servzio come bagni e ripostigli e a sud, la zona giorno per sfruttare così la luce del sole. Per poi ribaltare lo schema in Meridione.

orientare siepi e piante seconda la giusta direzione

Durante la costruzione, si dovranno anche, disporre siepi, piante e arbusti vari, secondo la direzione dei venti dominanti invernali, per creare delle barriere protettive e viceversa incanalare le brezze estive, per formare correnti d'aria rinfrescanti d'estate.

Spazio Habitat di G. Florindi & Partners - RE POINT Group - Studio Carugate di Florindi Giacomo

In Italia, sono entrate a far parte del nostro quotidiano, varie tradizioni di altre culture: è proprio questo l'esempio dell'architettura islamica. Infatti, si sfruttano fontane, vasche e specchi d'acqua, in patii e cortili interni, per aumentare l'effetto rinfrescante, soprattutto durante la stagione estiva.

Finestra - Tendalino

Le nuove costruzioni hanno anche una novità: ovvero la creazione di sporti, tettoie, schermi frangisole, tende e cortine di alberi, arbusti e vegetazione, in grado di favorire l'ombreggiamento estivo e le intense piogge vento.

pareti per un migliore isolamento termico

Importante sarà anche creare muri e pareti spesse, con materiali specifici, come pietra, laterizi oppure argilla cruda, per aumentare l'isolamento termico e acustico. Inoltre, aumentare finestre e finestroni per far entrare luce e calore.

costruzione di serre bioclimatiche

Per massimizzare l'apporto energetico solare nei mesi freddi, sono state progettate delle serre bioclimatiche, giardini d'inverno, ampie vetrate o soluzioni innovative che permettono proprio di inglobare e mantenere quelle zone calde anche d'inverno.

case in legno e canapa

Nella progettazione e creazione di case ed edifici, risulta particolarmente importante utilizzare solo materiali ecologici, naturali e che non trasmettono calore, come legno, sughero e canapa. Così da garantire sempre anche massima elasticità e traspirabilità alla struttura.

utilizzare colori scuri per massimizzare il calore

Cercare di utilizzare colori scuri e pastello nelle zone più fredde, così da massimizzare il calore assorbito in inverno e, viceversa quelli chiari in quelle calde per non surriscaldare eccessivamente.

Bioarchitettura case: la sfida del futuro

Come detto nei paragrafi precedenti, la bioedilizia e la bioarchitettura sono i pilastri dei nuovi sistemi per la progettazione e la creazione di case, edifici e strutture, in quanto sfruttano solo le risorse ecologiche e naturali, prestando sempre attenzione alla sicurezza, così da proteggere anche l’ambiente.

Le case e le strutture ecosostenibili, utilizzano materiali naturali e riciclati, facilmente smaltibili una volta degradati e la cui produzione minimizza le emissioni di anidride carbonica in atmosfera. 

Ovviamente, anche ricerche e nuove tecnologie hanno un ruolo fondamentale nell’architettura sostenibile, soprattutto grazie all’introduzione dei sistemi domotici, in grado di razionalizzare i consumi dell’abitazione, massimizzando il risparmio energetico e altre fonti rinnovabili di ultima generazione: questo è ciò che rende la bioedilizia il futuro dell’architettura moderna. 

Vedi anche  Blatta: conoscila per prevenire un'infestazione

Tra queste sono particolarmente interessanti: 

solare termico su case e abitazioni per energia e riscaldamento

Solare termico integrato

Si tratta di un sistema, posizionato sul tetto, termico solare compatto con serbatoio, integrato per la produzione di acqua calda e riscaldamento interno.

dispositivi tecnologici ecosostenibili per la creazione di energia

Pannelli Fotovoltaici

Dispositivi tecnologici, in grado di convertire il calore del sole, in energia elettrica, acqua calda o fonte di riscaldamento e forniscono un concreto aiuto nel risparmio energetico.

impianto di riscaldamento ecologico domestico

Impianti Geotermici

Impianto, installato nelle nuove costruzioni, che utilizza l'energia geotermica, per il riscaldamento residenziale, che garantisce caldo d'inverno e fresco d'estate.

Bioedilizia pro e conto

Ogni nuova costruzione di bioedilizia, essendo realizzata interamente con materiali naturali come legno e canapa, è necessario che venga scelto con criterio e accuratezza, così da essere robusto e resistente

Ovviamente, avendo questi materiali si tratta di costruzioni antisismiche, quindi una valida soluzione, nel caso in cui tali abitazioni vengano edificate su zone a rischio terremoto. 

Contrariamente a quanto si pensa, visto che si tratta di prodotti completamente in legno, gli edifici risultano molto resistenti al fuoco, hanno un altissimo livello di efficienza energetica, resistono alle intemperie, non marciscono e non vengono attaccati dai parassiti. 

costruzioni in bioedilizia con legno e canapa
il legno è il materiale per eccellenza nelle costruzioni bioedili

Nelle case in bioedilizia, anche l’installazione degli impianti presenta notevoli benefici: infatti, l’acqua calda, l’energia elettrica e il riscaldamento interno vengono procurati con l’utilizzo di collettori solari, impianti geotermici o eolici, dotati di serbatoio integrato a circolazione manuale, che inglobano l’energia naturale per trasformarla, senza danni all’ambiente, nelle varie utenze domestiche. 

Ovviamente, si tratta di elementi innovativi e in alcuni casi, piuttosto costosi ma va detto che i costi vengono ammortizzati in tempi brevi. Ma non è tutto, infatti, ai rubinetti si possono applicare particolari riduttori per il risparmio idrico. 

Gli edifici in bioedilizia, infine, si caratterizzano anche, per l’eccellente tenuta dei serramenti e dei vari elementi di assemblaggio; inoltre, non sono praticamente presenti ponti termici. 

Si, sembra tutto bello e perfetto, ma esistono dei contro? E se si, perché se il solo scopo della bioedilizia è quello di creare edifici moderni, a zero impatto ambientale ed anche belli da guardare?

Pur essendo un bel progetto, per il nostro paese risulta essere ancora troppo ambizioso: in Italia si tratta di una realtà che non è ancora sufficientemente consolidata, per la scarsità del legno presente e la sua bassa qualità nella stagionatura. 

Vedi anche  Macchinari per palestra: forniture centri sportivi

In rete, possiamo trovare tanti esempi di malcostruzione, che hanno portato anche a ingenti costi di sistemazione e manutenzione.

Inoltre, una casa in bioedilizia ha un grosso limite, quello dei costi, a dispetto di quanto si dica, le case in legno costano di più di quelle tradizionali. 

 Il consiglio che possiamo darti quindi, è quello di informarti in maniera approfondita, sia sulla ditta, sia sui materiali e le tecniche costruttive utilizzate. 

L’unico limite delle case in legno è la manutenzione, infatti, essendo il legno un materiale deperibile, ha sempre bisogno che la parte esterna venga sia tenuta in buono stato e che non entri in contatto con acqua e aria umida, per questo bisognerà stare attenti alle fessure.

Isolamento fibra di cellulosa: benefici

Abbiamo parlato di comfort domestico che migliora, di riduzione di sprechi energetici e di emissioni CO2: tutto questo rappresenta la ricetta dell’isolamento termico con fibra di cellulosa, ovvero un materiale completamente naturale e ‘virtuoso’, derivato dalla carta di giornale, quindi di qualità, riciclata.

Il trattamento che riceve è a base di sali di boro, in modo da andare ad eliminare qualsiasi rischio di incendio e rendere il materiale repellente a roditori, muffe e insetti.

Una base di partenza molto diversa insomma dai materiali isolanti sintetici, i quali contengono elementi nocivi come il petrolio. Sono ancora diffusi grazie a un costo relativamente basso e una lunga durata, ma l’impatto ambientale è devastante e sono molte le risorse naturali che vanno a consumare per non parlare del costoso e lungo processo di smaltimento.

Ma quali sono i vantaggi in termini di comfort e benessere tra le mura di casa, ricorrendo alla fibra di cellulosa?

Innanzitutto, si potrà ottenere un risparmio in bolletta, grazie alla sua capacità di regolare l’umidità: si ridurrà infatti l’utilizzo dell’impianto di riscaldamento in inverno e di condizionamento in estate, poiché questo materiale è altamente traspirante (l’umidità viene stabilizzata).

L’impegno è, come dicevamo, soprattutto nei confronti dell’ambiente; si tratta di un isolamento termico con fibra di cellulosa, insufflata nelle pareti, che risulta essere sostenibile ed economico (si possono intercettare detrazioni fiscali), inoltre è una tecnica perfetta sia per edifici di nuova costruzione che da ristrutturare, condomini o loro porzioni e capannoni.